Emozioni

Cibo e umore

Consumare i cibi che ci piacciono può sollevarci il morale e farci sentire soddisfatti e rilassati. Per contro, il consumo dei nostri cibi favoriti a volte può causare effetti negativi quali il senso di colpa e il rimorso.

Come minimizzare l’impatto negativo che il cibo ha sul nostro umore e massimizzare quello positivo?

 

Bambino felice cioccolatoIl principio del piacere

Mangiare è uno dei piaceri della vita e, quando ci è possibile, consumiamo gli alimenti che ci piacciono ed evitiamo quelli che non preferiamo. È stato dimostrato che mangiare i propri cibi preferiti può stimolare il rilascio di ß-endorfine che, come è noto, esaltano l’umore(1). Tuttavia l’attrattiva di un alimento non è legata solo alle sue proprietà sensoriali, ma dipende anche dalla fame che si ha, dall’esperienza vissuta nella precedente occasione in cui si è consumato quell’alimento e dalle circostanze sociali in cui viene consumato. In altre parole, l’alimento giusto, al momento giusto, con la giusta compagnia ci fa sentire bene.

 

“Voglie alimentari”

cibo nascostoLe voglie alimentari, o il desiderio ardente di mangiare un cibo in particolare, sembrano essere molto comuni. Un sondaggio indica che, a seconda della popolazione studiata, le persone che hanno riferito di essere prese da voglie alimentari variano tra il 60 e il 90%. È interessante notare che uomini e donne attribuiscono a queste voglie comportamenti ed emozioni contrastanti.2 Normalmente gli uomini pensano che le voglie alimentari scaturiscano dalla fame, mentre è più facile che le donne le attribuiscano ad umori negativi come la noia e lo stress. Le donne sono inoltre più portate a provare sentimenti negativi, quali i sensi di colpa e i rimorsi, se hanno ceduto alla tentazione.

Il Dr. Peter Rogers, uno psicologo sperimentalista della University of Bristol, spiega: “Spesso il desiderio di un certo alimento nasce dal fatto che quel cibo in particolare è considerato vietato, come è il caso del cioccolato. Se quell’alimento viene evitato consapevolmente, il desiderio di mangiarlo diventa sempre più forte fino a quando la persona non cede alla tentazione. Dopo aver mangiato quel particolare cibo iniziano i sensi di colpa e il rimorso e la persona decide di non mangiarlo più.”

 

Ti viene sonno?

bimba addormentataGli effetti dei singoli nutrienti degli alimenti sono stati ampiamente studiati, ma, fino ad ora, non è stato raggiunto un accordo chiaro riguardo l’effetto di questi nutrienti sulle nostre reazioni comportamentali. Per esempio, il numero di ricerche che dimostrano che l’assunzione di carboidrati determina sensazioni di rilassatezza e sonnolenza è uguale a quello degli studi che non trovano alcuna prova di tale influenza.3 È possibile che le persone reagiscano in modo diverso a determinati nutrienti come succede, ad esempio, con la caffeina. La sensibilità alla caffeina sembra variare da individuo a individuo. Alcune persone possono bere nell’arco di poche ore diverse bevande contenenti caffeina e non avere alcun effetto, mentre altre avvertono effetti stimolanti anche dopo una sola dose.

 

Grandi aspettative

Mentre potrebbe esserci un’interazione tra il cibo e la chimica del corpo, non dobbiamo sottovalutare l’impatto psicologico e i condizionamenti che possono derivare dal nostro comportamento alimentare. Per esempio, se il consumo di un particolare alimento o bevanda di solito migliora il nostro umore o il nostro livello di attenzione, ciò potrebbe accadere perché ci aspettiamo tale reazione anche se non è presente in quel cibo alcun ingrediente che la stimoli!4

Non ci sono dubbi sul fatto che il sapore del cibo e il piacere di mangiare possano migliorare l’umore e il benessere. Ma i notevoli effetti positivi derivanti dal mangiare “cibi dannosi ma buoni” sono spesso minati dal senso di colpa. Il Dr. Rogers offre il seguente consiglio per massimizzare i benefici degli alimenti che esaltano l’umore: “La cosa più importante è liberarsi da ogni senso di colpa relativo al mangiare. Per fare ciò le persone devono risolvere il loro rapporto con il cibo e sviluppare comportamenti alimentari sani e realistici. Per fare questo è necessario imparare a gestire i livelli di assunzione dei propri cibi preferiti per massimizzare il piacere che procurano senza dover eccedere nel consumo per esserne appagati.”

Referenze

  1. Drewnowski A (1997) Taste preferences and food intake. Annual Reviews of Nutrition. 17; 237-53
  2. Weingarten HP & Elston D (1991) Food cravings in a college population. Appetite 17; 167-175
  3.  Reid M & Hammersley R (1999) The effects of carbohydrates on arousal. Nutrition Research Reviews 12; 3 -23

Flaten MA & Blumenthal TD (1999) Caffeine-associated stimuli elicit conditioned responses: an experimental model of the placebo effect Psychopharmacology 145; 105-112

Da: EUFIC

Annunci

One thought on “Cibo e umore

  1. This is the perfect web site for everyone who wishes to understand this topic.

    You understand sso much its almost hard to
    argue with you (not that I actually would want to…HaHa).
    You definitely put a new spin on a subject that has been written about for a long time.
    Great stuff, just wonderful!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...